Bicipace 2012: il programma, orario e località delle partenze dalle province di Milano, Varese e Novara

Clicca sul volantino per leggere le partenze e gli orari

 

Domenica 27 maggio riparte Bicipace.

 

Ecco il programma della giornata….

 

 

Alla mattina …pedalare! (scorri l’elenco delle partenze  in ordine alfabetico che trovi sotto per trovare la tua città o recati a quella più vicina oppure clicca sul volantino accanto per ingrandirlo). L’arrivo alla Colonia Fluviale di Turbigo è previsto intorno alle 12.30

 

 

 

 

 


Località in ordine alfabetico orario partenza
ABBIATEGRASSO

9.30

Piazza Castello
ALBIZZATE

8.45

Piazza IV novembre
ARLUNO

10.15

Piazza Pozzo Bonelli
BERNATE TICINO

11.30

Ponte sul Naviglio
BOFFALORA

11.00

Piazza Matteotti
BUSTO ARSIZIO

9.30

Piazza Santa Maria
BUSTO GAROLFO

10.30

Parco VillaComunale
CAMERI

11.00

 Base Aeronautica
CANEGRATE

10.00

 Via Magenta
CARDANO AL CAMPO

10;00

 Piazza Mazzini
CASOREZZO

10.45

 Piazza San Giorgio
CASTANO PRIMO

12.00

 Piazza Mazzini
CASTELLANZA

9.00

 Piazza del Comune
CASTELLAZZO DEI BARZI

10.00

 Via XX Luglio
CERRO MAGGIORE

9.00

Piazza San Francesco
CORBETTA

9.50

 Via Silvio Pellico
CUGGIONO

11.45

 Piazzale dello Sport
DAIRAGO

10.00

 Piazza XXV aprile – Via Verdi
FERNO

10.30

 Piazza Dante
GALLARATE

9.30

 Piazza della Libertà
GALLIATE

11.30

 Piazza V. Veneto
INVERUNO

11.10

 Piazza San Martino
LAINATE

9.00

 Piazza V. Emanuele
LEGNANO

9.30

 Piazza Mercato
LONATE POZZOLO

10.45

Piazza Sant’Ambrogio
MAGENTA

10.30

 Via Petrarca
MARCALLO

10.00

 Piazza Italia
MARNATE

8.45

 Piazza Sant’Ilario
NERVIANO

9.25

 Piazza della Vittoria
NOVARA

10.00

 Piazza Garibaldi (F.S.)
OLGIATE OLONA

8.45

 Piazza V. Libertà
OSSONA

10.30

 Piazza Litta
PARABIAGO

9.45

 Piazza del Comune
POGLIANO

9.10

 Piazza Avis Aido
RHO

8.30

 Piazza Visconti (Comune)
ROBECCO SUL NAVIGLIO

9.45

 Piazza 21 luglio
SAN VITTORE

9.15

 Piazza Aldo Moro
SANTO STEFANO

10.15

 Piazza della Chiesa
SARONNO

8.30

 Piazza Libertà
SOMMA LOMBARDO

10.15

 Frazione Maddalena Piazza Visconti
TURBIGO

11.00

Piazza del Comune
VANZAGHELLO

10.00

 Piazza Costituzione
VANZAGO

9.00

 Davanti al Comune
VILLA CORTESE

10.10

 Piazza V. Veneto

Assistenza tecnica durante il percorso a cura della ciclofficina ambulante di RICICLO, Legnano.

All’arrivo …

Accoglienza musicale con la Banda di Borsano. Si mangia sano, naturale e a basso impatto ambientale con la cucina a “KM 0” di FEDERICA, TERESITA e tanti altri amici … buon appetito!!!

Nel pomeriggio…

Si ricomincia con la Banda di Borsano…

Di terra e di cielo 2012, rassegna di cinema ambientale presenta  “CIAR CUMÈ L’ACQUA DEL LAMBER”

“Conoscere gli alberi” con Albino

Visita guidata alla Centrale Idroelettrica “Guido Orlandi”  Canale Langosco.

 Teatro

Spettacolo teatrale “IL POVERO CRISTO”

Per i piccini

Laboratori di riciclo ed  animazione a cura di  Terre di fantasia, Ludobus (Bici&…” diAltrementi, Centro Re Mida e Coop CCS

Musica 

Suoneranno e canteranno con noi: ENRICO GERLI AND THE FOLK FRIENDS

Mostre espositive:

30 anni di Bicipace…

No F35

Percorso di pace

Massaggi Shiatsu a cura dell’associazione SHIATSU XIN

Quattro parole a proposito di…

“100 donne e 100 biciclette” e i progetti di solidarietà sostenuti dal coordinamento di Bicipace

Bicipace in collaborazione con Mani tese e Libreria che non c’è nello scorso anno soclastico ha promosso presso il Liceo C. Cavalleri di Parabiago un percorso di pace sul colonialismo italiano: alcuni studenti illustreranno i risultati della ricerca.

E poi ancora …

Banchetti informativi e spazi espositivi a cura di: Scuola di Babele, Ciclofficina RICICLO,  Gasabile e Gruppo Bilanci di Giustizia Legnano,  Migrando, Emergency, Diritti e Sviluppo, Arcipaz e tante altre associazioni sparse sotto gli alberi del parco. Nel corso della manifestazione Strade del Fresco ci rifocillerà con dell’ottima frutta biologica e rinfrescante.

Alla sera…Per gli sfaticati ritorno treno+bici da prenotare al CELL.3334169293

Per altre info contattateci su Facebook, Twitter oppure scrivete a bicipace@yahoo.it

Organizzano questa Bicipace: I CIRCOLI LEGAMBIENTE DI: TURBIGO, BUSTO ARSIZIO, PARABIAGO, GALLARATE, CASSANO MAGNAGO, NERVIANO, ARLUNO, CANEGRATE, RHO, SARONNO, LAINATE – SCUOLA DI BABELE – LIBRERIA CHE NON C’E’ – I CANI SCIOLTI – AMICIINBICI – EMERGENCY – CASTANOF35 –  ECOLOGISTI E RETI CIVICHE LOMBARDIA

Volantino Bicipace 2012 retro con programma e progetti in jpg

Programma e progetti Bicipace 2012, clicca sopra per ingrandire


-30 alla 30esima edizione della #Bicipace. Nell’attesa un viaggio nel tempo con i nostri volantini…

Bicipace - volantino edizione 1984 - fronte

Già, trent’anni fa, non esisteva internet, non c’era facebook o twitter. C’erano le macchine da scrivere…Però c’era la guerra fredda e il bisogno di pace si faceva sentire, eccome!

Per organizzare una manifestazione, riunioni alla Libreria Atala ( a Legnano, ma ora non c’è più e si è trasformata nella “Libreria che non c’è”) , telefonate con i gettoni e i volantini li si ciclostilava in casa (non abbondavano neppure le fotocopie, parecchio costose).

Come potete vedere dal nostro primo ( o meglio secondo, quello della prima edizione non è stato ritrovato),  le informazioni erano battute a macchina o disegnate a mano!

Ma le parole d’ordine erano quelle. nere su bianco: “Dall’Olona al Ticino pedalando un pochino”.

Le prime edizioni sono state organizzate dai Comitati per la Pace di Legnano, Gallarate, Busto Arsizio, Somma Lombardo, nati in quegli anni dopo la lotta contro i missili a Comiso, insieme a quelli che sono poi diventati i primi circoli di Legambiente.

Ricordarlo oggi a trent’anni dall’assassinio di Pio La Torre che si battè con noi contro quei missili ci fa davvero una certa impressione.

Intanto, così è nata Bicipace…voi c’eravate? I vostri ricordi? Raccontateceli, avete tempo fino al 27 maggio 2012!

Bicipace_1984_retro_volantino

Addio a Wangari Maathai, prima donna africana Nobel per la pace

Bicipace ricorda Wangari Maathai, venuta a mancare proprio domenica 25 settembre mentre molti di noi erano impegnati alla Marcia per la Pace Perugia-Assisi. Nel nostro piccolo le avevamo dedicato nel 2004, un’edizione di Bicipace. Ci aveva colpito la sua forza e la sua determinazione nel cercare di cambiare le sorti del paese africano e della sua gente anche attraverso gesti semplici, come piantare alberi.

Riportiamo di seguito il ricordo di  Maurizio Gubbiotti, coordinatore segreteria nazionale Legambiente, che condividiamo.

“E’ davvero una tristissima notizia che mentre marciavamo a centinaia di migliaia e un serpentone festoso e colorato si distendeva nelle strade e nelle campagne umbre chiedendo pace nel mondo e celebrando il cinquantenario della Marcia Perugia-Assisi voluta da Aldo Capitini nel 1961, si spegneva a Nairobi Wangari Maathai, prima donna africana a ricevere nel 2004 il Nobel per la pace, per il suo contributo alle cause dello sviluppo sostenibile, della democrazia e della pace.

Fin dai primi momenti dell’impegno della nostra associazione in campo internazionale lei aveva rappresentato uno dei nostri punti di riferimento più importanti. Wangari aveva da sempre la capacita’ di coniugare le battaglie ambientaliste a quelle per la sostenibilita’ alimentare e per i diritti delle donne nel continente africano, quindi un vero modello per l’impegno di Legambiente nel nostro Paese e a livello mondiale, ma soprattutto l’esempio per tutti gli ambientalisti nonché  interprete fondamentale dell’ambientalismo moderno.

Una grande donna, una grande persona della quale quando l’ascoltavi o ci parlavi, percepivi la grande passione, la grande cultura e un senso di responsabilità’ nei confronti del suo Paese enormi. Ho avuto il piacere di incontrarla più volte, alcune anche nel suo ufficio a Nairobi, sia quando ricopriva un ruolo istituzionale, era membro del Parlamento Keniota ed era stata assistente ministro per l’Ambiente e le risorse naturali nel governo del presidente Mwai Kibaki fra il gennaio 2003 e il novembre 2005, che da leader ambientalista a capo di Green belt, (cintura verde), e oltre alla sua gentilezza unita ad una risolutezza da persona che aveva pagato tanto in prima persona, ti colpiva anche tutto quell’affetto che la circondava.

Come  Legambiente l’avevamo invitata tante volte ma non era facile sottrarla all’impegno costante nei suoi luoghi, ma anche quando non riusciva ad accogliere personalmente l’invito non rinunciava mai a mandarti qualcuno che la potesse sostituire o uno scritto o un video. Oggi che e’ evidente a tutti quanto siano drammaticamente centrali la crisi ambientale e quella climatica, la sua mancanza sara’ davvero enorme. Piaceva a tantissimi questa professoressa di anatomia veterinaria, di etnia Kikuyu, ed era proprio giusto che fosse così!
Hello, kiss,  Wangari”

Verso la Perugia-Assisi: e venne finalmente la montagna….

Prime asperità per la spedizione ciclistica degli amici di Bicipace e Legambiente, dal Nordovest lombardo (Rho, Busto Arsizio, Valle Olona) ad Assisi, ( nella foto però, una foto della tappa a Ferrara…). Dopo la tappa di Cesena, che ha avuto per unici ostacoli il vento e il traffico pesante oggi la strada si è subito impennata e i nostri si sono immersi in paesaggi sereni e ariosi, ben lontani dalla frenesia della via Emilia o delle grandi capitali del divertimento estivo intorno a Rimini. Ci si è dovuti mettere “en danceuse”, come dicono i francesi, in piedi a spingere sui pedali, per avere ragione di strappi maligni, con pendenza che, riporta l’amico Simone, raggiungevano persino il 18%: sempre su strade provinciali o comunque secondarie, con scarso traffico e bei panorami di poggi ancora verdissimi, di frutteti, campicelli di mais in via di raccolta, arature recenti, boschi baciati dal sole che, stavolta senza vento, ha salutato una giornata ideale per l’esercizio fisico all’aria aperta.
Numerose salite e discese, come numerosi sono stti i borghi attraversati nei 75 tosti chilometri di oggi: tra questi hanno colpito i nostri pedalatori Monteleone, Sant’Agata, ma anche Petrella Guidi dove una targa ricorda il grande regista Federico Fellini e la moglie Giulietta Masina, compagna d’arte e di vita. Terre per cuori sensibili, come quello pieno di fantasia e miti di Fellini, o quello setimentale e lirico di Giovanni Pascoli, poeta degli affetti familiari e dell’intimità nell’Italietta giolittiana che si affacciava al mondo. Ma queste sono anche le strade, almeno nei primi chilometri di oggi, della Nove Colli, la famosa ciclomaratona di granfondo che attrae migliaia di partecipanti ogni anno.
Pausa pranzo presso un colle già teatro più volte di passaggi del Giro d’Italia, poi giù per la Valmarecchia, dove si trovano gli unici Comuni d’Italia recentemente riusciti nell’impresa di cambiare regione. Infatti l’alta valle faceva parte delle Marche, ma, esperiti tutti i vari passaggi burocratici e politici, con non poco dispiacere di Ancona è saltata sul carro di Bologna. Scelta logica, tanto più che la gente, da queste parti, è assolutamente romagnola per lingua… e ospitalità (senza nulla togliere a quella, eccellente, dei marchigiani, giustamente orgogliosi della loro terra).
Il gruppo dei bicipacifisti si sfilacciava, severamente selezionato da rampe tipo garage fra panorami da quadro rinascimentale, classicamente italiani, dominati dalle rocche arcigne di San Leo, antica prigione papalina (“un sol Pèpa, un sol Dè, un sol Fort d’ san Lè” dicevano i romagnoli) e San Marino. Mal di gambe? No grazie: tutti in grande forma dopo le tappe di pianura, “preparazione” eccellente. Salita finale a Pennabilli dove l’ostello, moderno e accogliente, attendeva la comitiva per un riposo più che mai necessario.

Anche perchè domani si sale ancora, e non poco: c’è da valicare subito il Carpegna, a quota mille metri. Poi si attraverseranno le Marche, fra i colli del Montefeltro, storico ducato, per approdare infine a Gubbio, porta dell’Umbria. E per prepararsi, non c’è di meglio che cenare: a a suon di tortellini, tagliatelle e arrosti. Carboidrati e proteine che domani serviranno, annaffiati ovviamente dal Sangiovese, che fa buon sangue. Da aggiungere infine che in giornata sono arrivati da Vanzaghello quattro nuovi “moschettieri” del pedale, a rinforzare la pattuglia “Busto e dintorni”.

Bicipace alla Perugia – Assisi: in sella!

Cari Bicipacifisti,  come preannunciato…si parte!

Bicipace 2011 @rosybattaglia

In occasione della Marcia della Pace (www.perlapace.it) , manifestazione ormai cinquantenaria che si terrà come domenica 25 settembre prossimo con arrivo nella splendida cittadina umbra patria del Santo più amato dagli italiani, Bicipace (http://bicipace.org)  e Legambiente, con la collaborazione di Bicincittà, Ciclobby onlus e Coordinamento milanese “Pace in comune” organizzano una “ciclospedizione” che in una settimana  raggiungerà Bastia Umbra, sede di partenza della Marcia che anche quest’anno richiamerà migliaia e migliaia di partecipanti.

Con questa avventura a due ruote il coordinamento Bicipace, composto da diverse associazioni presenti sul territorio altomilanese (da quelle ambientaliste a quelle a vocazione sociale), intende non solo onorare gli alti ideali della non-violenza e dell’ambientalismo, ma anche il proprio trentennale. L’anno prossimo saranno infatti trent’anni dalla nascita di Bicipace, che ogni anno nel mese di giugno chiama a raccolta da tutta la zona dell’Asse Sempione un gran numero di ciclisti della domenica e non per un festoso ritrovo presso la Colonia Elioterapica di Turbigo, a due passi dal Ticino.

Il percorso per i ciclisti

Il “pellegrinaggio laico” dei ciclisti sarà accompagnato da un’auto e un furgoncino come mezzi d’appoggio e trasporto bagagli. Cinque saranno i pedalatori che si muoveranno dalla Valle Olona e dintorni (Marnate, Olgiate, Castellanza, Busto Arsizio) per raggiungere la piazza del Municipio di Rho (MI) e lì unirsi a un folto gruppo di amici che percorrerà più di 600 chilometri verso la meta. Il viaggio verrà documentato da foto e post pubblicati in tempo reale sul nostro sito http://bicipace.org

Di seguito le tappe:                                                  

-sabato 17/9  Rho-Gragnano Trebbiense (PC) Km  90

-domenica 18/9 Gragnano-Guastalla (PR) Km 103

-lunedì 19/9 Guastalla-Ferrara Km   90

-martedì 20/9 Ferrara-Cesena  Km   80

-mercoledì 21/9 Cesena-Pennabilli Km 70

-giovedì 22-9 Pennabilli-Gubbio        Km  90

-venerdì 23/9 Gubbio-Perugia (Bastia Umbra)   Km 54

-sabato 24/9 Bastia Umbra.

Allora che aspettate?

Due ruote per i referendum: venerdì 10 giugno 2011 da Canegrate a Legnano

Bicipace 2011 @rosybattaglia

Il Circolo di Legambiente di Canegrate invita tutti ad inforcare la bicicletta venerdì sera, partendo da Canegrate (MI), per arrivare a  Legnano in Piazza San Magno, per concludere la campagna referendaria contro la privatizzazione dell’acqua e il ritorno al nucleare.

Ritrovo in Piazza a Canegrate alle 20.30. Arrivo previsto a Legnano intorno alle 21.00

Info: 3383710285

Aspettando Bicipace…appuntamenti per il week-end

bicipace_2011Segnaliamo alcuni appuntamenti e iniziative realizzate dalle associazioni aderenti al coordinamento di Bicipace per il fine settimana dal 6 all’8 maggio 2011:

  • Venerdi 6 maggio ore 21.00 a Varese, presso l’Ex Cinema Rivoli  – Il consumo di suolo è un problema sempre più serio: in provincia di Varese la superficie urbanizzata (dati 2007) è il 28,9%. In meno di dieci anni 1700 ettari di suolo libero sono scomparsi, più di un terzo dei quali è relativo a suolo agricolo. Per discutere, informare, proporre alternative, venerdì 6 maggio ore 21 , a Varese presso l’ex Cinema Rivoli ne parliamo con Damiano Di Simine , presidente Legambiente Lombardia e Pietro Raitano, direttore di Altreconomia. Verrà proiettato il documentario “Il suolo minacciato”
  • sabato 7 maggio 2011 : vi segnaliamo un incontro a Carnago (VA) sulla biodiversità: alle ore 21, presso la chiesa di S.Rocco, si terrà infatti la  presentazione del progetto “E’ l’ora di aiutare le rondini“, a cura di Francesca De Matteis (Parco Pineta) e Sergio Luoni (esperto biodiversità).
  • domenica 8 a Saronno, zona Santuario, torna la *Fiera provinciale dell’Economia Solidale*: per tutto il giorno laboratori di autoproduzione, spettacoli, dibattiti, e poi più di 80 banchetti di associazioni, botteghe del commercio equo, produttori locali biologici, artigiani, gruppi di acquisto solidale. Ci saremo anche noi! Qui tutto il programma  http://www.des.varese.it/

Inoltre , sempre per domenica 8 maggio, oltre 250 comuni italiani hanno aderito a “Bimbi in Bici” , una festa in bicicletta per piccoli e grandi! Segnaliamo due appuntamenti in provincia di Varese:

  •  a Varese  dove dalle 10.30 alle 18.30 in piazza Montegrappa con  Fiab-Ciclocittà, Uisp e Comune di Varese, con la collaborazione di Legambiente e altre realtà del territorio. Ci saranno giochi in bicicletta, laboratori di manutenzione bici, animazioni e pedalate a tappe tra i luoghi del centro città
  • a Fagnano Olona (VA) dalle 14.00 in Via Pasubio, davanti alle Scuole Primarie, ritrovo per tutti i bambini in bici. I primi 50 iscritti riceveranno un simpatico gadget sulla sicurezza in bici.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: