In bici per la pace: il caldo abbraccio dell’Umbria

Ci siamo. Dopo circa 750 chilometri sui pedali in sei giorni, è giunta a destinazione la pattuglia cicloturistica di Bicipace e Legambiente che, partita da Rho, da Busto Arsizio, da Vanzaghello e dalla Valle Olona, si è diretta ad Assisi per la Marcia della Pace di domenica prossima, 25 settembre. Un po’ stanchezza e di mal di gambe, alla fine: è comprensibile dopo tanta strada e due tappe impegnative nei giorni precedenti.
Molto caldo oggi, venerdì, e giornata “più da pennichella che da pedalata”, in un clima quasi da ultimo giorno di scuola. “Solo” una cinquantina di chilometri, da Gubbio a Bastia Umbra, fatti ad andatura decisamente turistica, “slow”, quasi a voler procrastinare l’arrivo, e con esso la fine di un’esperienza importante. Da Gubbio, superato un basso colle, si è poi scesi verso la zona di Perugia e il Tevere. Un percorso quasi meditativo, nel verde e nel caldo fattosi nuovamente estivo, con la consapevolezza agrodolce della fine del viaggio e della fatica di pedalare.

A mezzogiorno il gruppo ha raggiunto con tutto comodo la fiera di Bastia Umbra, dove il Tavolo della Pace che sta tenendo un meeting con mille giovani. “Ci siamo registrati come Bicipace e abbiamo ascoltato alcuni interventi” racocnta Flavio Castiglioni. “Il clima è frizzante, piacevolissimo, con tanti ragazzi, un’aria di cambiamento e di impegno da parte di chi prende con sincerità e voglia di portarlo avanti il messaggio pacifista. Questo ci stimola a portarci dietro l’esperienza positiva di questo viaggio e ad andare avanti anche sul nostro territorio”.
Nel pomeriggio sarà ora del meritato relax – in vista un aperitivo ad Assisi all’ombra delle basiliche. Domani, sabato, di nuovo a Bastia Umbra, sede di partenza della Marcia, i ciclopacifisti giunti da un po’ tutta Italia terranno un ritrovo generale cui i nostri, ovviamente, parteciperanno.
Da stasera e per due notti il gruppo pernotterà comodamente in albergo a Rivotorto, vicino alla chiesa di San Damiano. Assisi è lì, protetta dal Subasio: la sera, vista da lontano, si accende come un presepe, con la montagna a farle da “grotta” su uno sfondo di stelle.

 

 

Grazie a Saltabeccando74, autore di tutti i post di questa avventura.

 

Annunci

In bici per la pace: verso il cuore verde d’Italia

Tappa di montagna prima e collina poi tra Pennabilli e Gubbio, Romagna e Umbria, attraverso l’interno delle Marche. Partenza impegnativa, subito in salita ripida, e arrivo sereno, in discesa con vista sulle verdi distese dell’Umbria, nel cuore d’Italia. Il gruppo di Bicipace e Legambiente che dall’hinterland e dall’Alto Milanese sta raggiungendo Assisi per la Marcia della Pace ha potuto profittare oggi di strade generalmente non molto trafficate, cosa sempre gradita per chi pedala e non vuole essere affumicato o messo a rischio durante un’attività già faticosa di suo.
Salitissima subito, dalla porta dell’ostello di Pennabili, dopo la debita ed energetica colazione, sono stati sette chilometri di quelli tosti per arrivare alla cantoniera del Carpegna, quota mille e spiccioli; asperità non da poco e subito gruppo disgregato dalle pendenze, per poi ricompattarsi in cima. In testa ovviamente i “prof” del pedale come Simone: non c’è da meravigliarsi. Si sono distinti anche i “vanzaghellesi” (in realtà, due sono bustocchi), aggregatisi giusto ieri al gruppo: pur non più giovanissimi, ma sempre assai validi, già soprannominati “l’avanguardia gialla” dal colore delle magliette.
Dopo il Carpegna, “mangia e bevi”, ossia saliscendi, in gergo ciclistico, fra contropendenze ripide, soprattutto verso il paese di Peglio, per poi “picchiare” su Urbania, gradevole centro sul Metauro, di origine medievale. Queste sono le terre del Montefeltro, antico ducato con signori propri, tra cui il famoso Federico, condottiero e mecenate, immortalato di profilo da Piero della Francesca. La sua capitale era Urbino, a poca distanza da qui: ma i nostri ciclisti non hanno ptuto raggiungere la bellissima città, vero vanto dello “stile italiano” nel vivere, resa ancora più fresca dalla presenza di tanti giovani per l’università. Da Urbania i nostri ciclisti si sono spinti a sud, incontro al caldo sole (e fin a un po’ d’afa) passati. Poi Acqualagna, il paese natale di Enrico Mattei, rifondatore dell’Agip e motore primo dell’Eni fino al misterioso assassinio (?); e Cagli, capitale del tartufo, in lotta accanita per il titolo con la piemontese Alba. A Cagli ci si è fermati per pranzare, il gruppo è giunto a spezzoni all’appuntamento col pullmino “alimentare” su cui non mancano mai pane, affettati e formaggio di giornata; poi via lungo la vecchia Flaminia, poco battuta. Qui il gruppo si è diviso, e chi ancora ne aveva è salito serpeggiando fra belle viste nel verde alla Madonna della Cima, quota 777, per piombare su Gubbio, un’altra parte si è sciroppata una pericolosa galleria sulla statale nuova.
Gubbio è bellissima, a parere di tutti: con monumenti medievali ma anche resti antichissimi (il teatro romano, tra i più vasti esistenti), perchè questa è la città in cuoi sono state scoperti i più antichi testi italici, le Tavole Eugubine in lingua umbra antica, affine al latino, in cui già si citava “Ikuvium”. Pietre grigie, viuzze strette, architetture di impronta “gotica” caratterizzano il borgo medievale; la vista dalla piazza principale sulla verdissima vallata che si perde in lontananza nell’azzurro vale da sola una visita. Unica cosa negativa, Gubbio è invasa di auto: non c’è zona pedonalizzata, e anche in centro se ne trovano che scorrazzano per le viuzze impestando pedoni e ciclisti con i gas di scarico. Gli ambientalisti, ovviamente, storcono il naso.
La ciclo-comitiva è stasera ospite presso il locale convento delle suore, in posizione pregevolmente panoramica. E dopo 104 kme più di mille metri di dislivello, una buona cena, autogestita data la disponibilità di una cucina, è il modo migliore di chiudere una giornata impegnativa, mentre la sera cala e l’aria si fa un po’ frizzante. Guardando serenamente a domani, quando una tappa più breve portarà i nostri amici a due ruote direttamente ad Assisi, al cospetto del Santo e della sua basilica… bipiano.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: