Addio a Wangari Maathai, prima donna africana Nobel per la pace

Bicipace ricorda Wangari Maathai, venuta a mancare proprio domenica 25 settembre mentre molti di noi erano impegnati alla Marcia per la Pace Perugia-Assisi. Nel nostro piccolo le avevamo dedicato nel 2004, un’edizione di Bicipace. Ci aveva colpito la sua forza e la sua determinazione nel cercare di cambiare le sorti del paese africano e della sua gente anche attraverso gesti semplici, come piantare alberi.

Riportiamo di seguito il ricordo di  Maurizio Gubbiotti, coordinatore segreteria nazionale Legambiente, che condividiamo.

“E’ davvero una tristissima notizia che mentre marciavamo a centinaia di migliaia e un serpentone festoso e colorato si distendeva nelle strade e nelle campagne umbre chiedendo pace nel mondo e celebrando il cinquantenario della Marcia Perugia-Assisi voluta da Aldo Capitini nel 1961, si spegneva a Nairobi Wangari Maathai, prima donna africana a ricevere nel 2004 il Nobel per la pace, per il suo contributo alle cause dello sviluppo sostenibile, della democrazia e della pace.

Fin dai primi momenti dell’impegno della nostra associazione in campo internazionale lei aveva rappresentato uno dei nostri punti di riferimento più importanti. Wangari aveva da sempre la capacita’ di coniugare le battaglie ambientaliste a quelle per la sostenibilita’ alimentare e per i diritti delle donne nel continente africano, quindi un vero modello per l’impegno di Legambiente nel nostro Paese e a livello mondiale, ma soprattutto l’esempio per tutti gli ambientalisti nonché  interprete fondamentale dell’ambientalismo moderno.

Una grande donna, una grande persona della quale quando l’ascoltavi o ci parlavi, percepivi la grande passione, la grande cultura e un senso di responsabilità’ nei confronti del suo Paese enormi. Ho avuto il piacere di incontrarla più volte, alcune anche nel suo ufficio a Nairobi, sia quando ricopriva un ruolo istituzionale, era membro del Parlamento Keniota ed era stata assistente ministro per l’Ambiente e le risorse naturali nel governo del presidente Mwai Kibaki fra il gennaio 2003 e il novembre 2005, che da leader ambientalista a capo di Green belt, (cintura verde), e oltre alla sua gentilezza unita ad una risolutezza da persona che aveva pagato tanto in prima persona, ti colpiva anche tutto quell’affetto che la circondava.

Come  Legambiente l’avevamo invitata tante volte ma non era facile sottrarla all’impegno costante nei suoi luoghi, ma anche quando non riusciva ad accogliere personalmente l’invito non rinunciava mai a mandarti qualcuno che la potesse sostituire o uno scritto o un video. Oggi che e’ evidente a tutti quanto siano drammaticamente centrali la crisi ambientale e quella climatica, la sua mancanza sara’ davvero enorme. Piaceva a tantissimi questa professoressa di anatomia veterinaria, di etnia Kikuyu, ed era proprio giusto che fosse così!
Hello, kiss,  Wangari”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: